jazzy-xmas

Paolo Fresu Quintet feat. Daniele Di Bonaventura – Jazzy Christmas

JAZZY CHRISTMAS è il nostro modo di mettere insieme, in musica, sensazioni e ricordi indimenticabili.
Come è avvenuto in quella magica sera del 18 dicembre 2013 a Sassari, e come spero avvenga con l’ascolto del cd che testimonia quel particolare momento.

Leggi tutto

cover-brass-bang!

Benstein/Fresu/Petrella/Rojas – Brass Bang!

Il jazz non è morto, ha solo un odore un po’ curioso – Frank Zappa

Leggi tutto

DINOKAIROS

Dino Rubino – Kairòs

Ciò che mi sembrava amaro, mi fu cambiato in dolcezza d‘anima e di corpo. San Francesco d’Assisi

Leggi tutto

cover

Paolo Fresu Quintet – ¡30!

Con il tempo la foglia di gelso diventa seta. Proverbio italiano

Leggi tutto

cover

Francesco Ponticelli – Ellipses

Butterflies and zebras and moonbeams and fairy tales. Jimi Hendrix

Leggi tutto

Paolo Fresu Quintet feat. Daniele Di Bonaventura – Jazzy Christmas

3 dicembre, 2014

about JAZZY CHRISTMAS:
Paolo Fresu: tromba, flicorno e multieffetti
Daniele di Bonaventura: bandoneon
Tino Tracanna: sax tenore e soprano
Roberto Cipelli: pianoforte
Attilio Zanchi: contrabbasso
Ettore Fioravanti: batteria

TRACKLIST:
01. White Christmas (Irving Berlin)
02. I’ll Be Home For Christmas (Kim Gannon, Walter Kent & Buck Ram)
03. In Sa Notte Profundha (Agostino Sanna & Pietro Casu/Arr. Paolo Fresu)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

04. Joy To The World (Isaac Watts & Georg Friedrich Händel)
05. Have Yourself A Merry Little Christmas (Hugh Martin & Ralph Blane)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

06. The Christmas Song [Chestnuts Roasting On An Open Fire] (Mel Tormé & Bob Wells)
07. Notte De Chelu (Agostino Sanna & Pietro Casu/Arr. Paolo Fresu)
08. Till Bethlehem (Tradizionale)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

09. O Little Town Of Bethlehem (Phillips Brooks & Lewis Redner)
10. Naschid’Est In Sa Cabanna (Agostino Sanna & Pietro Casu/Arr. Paolo Fresu)
11. Adeste Fideles (Tradizionale/Arr. Roberto Cipelli)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Registrazione live a Sassari, Nuovo Teatro Comunale, 18 dicembre 2012
Tecnico del suono: Fabrizio Dall’Oca
Mix e mastering: Rockhaus Blu studio, Sassari
Tecnico del suono: Alberto Erre
Produzione: Paolo Fresu e Tǔk Music
Produzione artistica: Paolo Fresu e Roberto Cipelli
Si ringraziano: Pannonica Music (Vittorio Albani e Stefania Conte) e Luca Devito

Quando la Banca di Sassari mi ha chiesto un concerto da tenere nel dicembre del 2013 ho pensato immediatamente a un programma speciale.
L’idea originaria era quella di integrare il nostro repertorio abituale con alcuni brani relativi al Natale ma l’idea di realizzarlo per intero su questo tema ha preso il soppravvento.
Da qualche anno, infatti, il nostro Quintetto (che nel 2014 ha compiuto trent’anni) ama suonare qualche brano natalizio in coincidenza del periodo dell’Avvento.
Con l’aiuto di Roberto Cipelli abbiamo immediatamente scelto alcune composizioni, alle quali se ne  sono aggiunte alcune in duo con Daniele di Bonaventura.
Queste ultime fanno quasi totalmente parte del conosciuto repertorio delle Cantones De Nadale che il parroco e letterato berchiddese Pietro Casu scrisse assieme al Canonico Agostino Sanna di Ozieri nel Dicembre del 1927, e che oggi vengono eseguite in tutta la Sardegna.
Ho ancora nelle orecchie le melodie celestiali di Notte De chelu e In Sa Notte Profundha cantate dal coro di Berchidda (e dai fedeli tutti) la notte di Missa ‘e Puddhos.
Fuori spesso nevicava, e nelle case i camini erano accesi in attesa del pranzo di Natale e dei regali. Gli agnellini con il fiocco rosso, regalati dai pastori ai bambini, belavano nelle case e attendevano il ritorno dei fedeli dopo Sa Missa Cantada che noi chierichetti avevamo l’onore di servire in quella notte speciale.
Le voci di Frank Sinatra, Mel Tormé e Bing Crosby arrivarono dopo, con la televisione, e hanno incarnato nell’immaginario comune il sogno americano, i cartoons di Walt Disney e i grandi alberi addobbati e circondati di pacchi luccicanti.
Due mondi diversi e lontani accomunati da sempre da belle canzoni.
Popolari quelle di Pietro Casu ma altrettanto popolari quelle di White Christmas, Have Yourself A Merry Little Christmas o The Christmas Song.
Ma esistono anche una terza e una quarta via all’infinito repertorio natalizio.
Si tratta di quelle songs che raccontano di renne che partono dalle lande del Nord per portare i regali ai bimbi buoni, e di gioie vissute con coloro a cui vogliamo bene.
Quelle che la stella cometa porta con sé in tutto il mondo e che qui sono raccontate in Till Bethlehem e Joy To The World.
Il Natale di ognuno di noi è differente, ma è invece uguale il senso della felicità e di condivisione che appartiene ai popoli di tutti i Continenti.
JAZZY CHRISTMAS è il nostro modo di mettere insieme, in musica, sensazioni e ricordi indimenticabili.
Come è avvenuto in quella magica sera del 18 dicembre 2013 a Sassari, e come spero avvenga con l’ascolto del cd che testimonia quel particolare momento.
Paolo Fresu

____________________________________________________________________________________________________________

“White Christmas”

E’ una famosa canzone scritta da Irving Berlin il cui testo è ispirato a quello di White Christmases. Della stessa sono state eseguite innumerevoli versioni, di cui molte in lingua italiana con il titolo Bianco Natale.

La mattina dopo aver scritto la melodia, Berlin corse in ufficio e disse alla sua segretaria: <Prendi la penna e prendi appunti su questa canzone. Ho appena scritto la mia migliore canzone; diavolo, ho appena scritto la migliore canzone che chiunque abbia mai scritto!>.

L’incisione più famosa è senz’altro quella di Bing Crosby, registrata nel 1942.
Crosby venne convocato negli studi della Decca Records il 18 marzo del 1947 per registrarla nuovamente, dato che l’incisione originale si era danneggiata per il frequente utilizzo. Si fece il possibile affinché fosse identica alla precedente, convocando ancora la Trotter Orchestra e i Darby Singers. Questa versione divenne uno dei brani più venduti nella storia della discografia.

“I’ll Be Home For Christmas”

E’ una malinconica canzone natalizia statunitense, scritta nel 1943 da Buck Ram, Kim Gannon e Walter Kent. Venne incisa nello stesso anno da Bing Crosby assieme alla John Scott Trotter Orchestra per la Decca Records. Risultò di grande successo  tra i cittadini e i soldati statunitensi che si trovavano nel pieno della seconda guerra mondiale, poiché il titolo significa “Tornerò a casa per Natale”.

In seguito divenne quasi un tradizionale, inciso anche da Perry Como e da Frank Sinatra e successivamente da numerosi altri cantanti.

La canzone parla di una persona lontana dai propri cari che si augura di tornare a casa per il giorno di Natale e lo comunica in stile epistolare. Una lettera nella quale invita i propri familiari a mantenere – nonostante il dispiacere per la sua lontananza – le tradizioni natalizie.

“In Sa Notte Profundha”

E’ uno dei brani scritti dal Canonico Agostino Sanna (parte musicale) e da Babbai Pedru Casu di Berchidda (testo). Il Sanna fu dapprima organista nella Cattedrale di Ozieri e poi direttore della ‘Schola Cantorum’ di Sassari per poi approdare a Berchidda come vice-parroco, dal 1927 al 1930. E’ in questi anni che lavora alle musiche delle Cantones De Nadale adattando alcune melodie sarde allora in uso. Pietro Casu compone le liriche e da questo incontro nascono le più belle e struggenti melodie natalizie oggi eseguite in tutta la Sardegna. Sono composizioni semplici, funzionali ad esser cantate anche dai bambini. In In Sa Notte Profundha risaltano i suoni della natura: un usignolo canta nella notte profonda e un calmo fiume racconta di misteriose allegrie.

“Joy To The World”

Fu composto nel 1719 dallo scrittore inglese Isaac Watts che riadattò un Salmo dedicato a Re Davide.

La melodia è basata sul Messia del compositore tedesco Georg Friedrich Händel poi arrangiata nel 1836 da Lowell Mason.

“Have Yourself A Merry Little Christmas”

E’ una canzone scritta nel 1943 da Hugh Martin e da Ralph Blane ed incisa per la prima volta da Judy Garland, che la interpretò l’anno successivo nel film Incontriamoci a Saint-Louis.
La canzone è stata anche incisa da Frank Sinatra in una versione leggermente modificata e divenuta più popolare della precedente.

Nel film in questione viene cantata in una scena in cui la famiglia protagonista, residente a Saint-Louis, è distrutta per l’imminente partenza del capofamiglia per motivi di lavoro: il personaggio interpretato da Judy Garland la canta il giorno della vigilia di Natale per rincuorare la sorellina affranta.

“The Christmas Song”

Mel Tormé, dotato di una voce elegante dal timbro vellutato, è stato uno dei più grandi cantanti jazz dello scorso secolo e ha composto con Bob Wells questa classica holiday song.

Il brano è noto anche come Chestnuts Roasting on an Open Fire (Caldarroste al caminetto).

“Notte De Chelu”

Un’altra canzone scritta a quattro mani da Agostino Sanna e Pietro Casu, che racconta di una notte celeste e della felicità dell’uomo per la nascita del Bambino che ci libererà dalle pene dell’Inferno.

“Till Bethlehem”

E’ un nostalgico e poco conosciuto tradizionale norvegese. La semplice ed efficace melodia si canta nelle strade e nelle case di tutta la Scandinavia a partire dal 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, con gruppi di ragazze vestite di bianco che tengono in mano un lumino acceso.

“O Little Town Of Bethlehem”

E’ un tradizionale canto natalizio, composto nel 1868 dal vescovo statunitense Phillips Brooks, autore del testo, e dal suo organista Lewis Redner, autore della melodia.

Il brano fu probabilmente ispirato da un viaggio in Terra Santa compiuto da Brooks tre anni prima.

“Naschid’Est In Sa Capanna”

Probabilmente è una delle composizioni più riuscite di Agostino Sanna e Pietro Casu. Stavolta i protagonisti sono gli angeli che cantano in cielo per l’alto Re e che si posano intorno alla povera capanna volando e accendendosi di luce.

“Adeste Fideles”

Non esistono prove sufficienti per attribuirne la paternità ad un autore ben identificato. L’unica certezza che emerge dalla documentazione esistente è il nome del copista, ossia colui che trascrisse materialmente il testo e la melodia: sir John Francis Wade. Egli lo avrebbe preso da un tema popolare irlandese nel 1743-1744 per l’uso di un coro cattolico, a Douai, cittadina nel nord della Francia, a quel tempo importante centro cattolico di riferimento e di rifugio per i cattolici perseguitati dai protestanti nelle Isole britanniche.

La nostra versione è l’unico brano volutamente in acustico tra quelli eseguiti a Sassari.
Da questo dipende il suono così diverso. Più riverberato e spazialmente distante è interpretato in trio con bandoneon, tromba con sordina e sax soprano.

Gli ottoni e le ance rappresentano idealmente le voci maschili e femminili del coro, mentre il bandoneon, strumento nato in Germania alla metà dell’Ottocento, riacquista – soprattutto nella lunga introduzione – il suo ruolo originario di piccolo organo portatile che serviva all’accompagnamento delle funzioni religiose nelle chiese protestanti.

Benstein/Fresu/Petrella/Rojas – Brass Bang!

10 novembre, 2014

Il jazz non è morto, ha solo un odore un po’ curioso – Frank Zappa

about BRASS BANG! :
STEVEN BERNSTEIN trumpet, slide trumpet, distortion effects, flugelhorn (7), voice
PAOLO FRESU trumpet, flugelhorn, cornet (2&11), pocket trumpet (6), multieffects
GIANLUCA PETRELLA trombone
MARCUS ROJAS tuba, voice, percussions

Sound Space:
Bernstein [left channel]
Fresu [right channel]
Petrella [left channel]
Rojas [right channel]

TRACKLIST:
01  Italian At La Glance [Steven Bernstein] 00:48

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

02  Black And Tan Fantasy [Duke Ellington] 05:11
03  As Tears Go By [Mick Jagger • Keith Richards] 08:36

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

04  Dissonanze Cognitive [Paolo Fresu] 02:32
05  Beng! [Marcus Rojas] Marcusmouth 03:06
06  La Réjouissance Music for the Royal Fireworks [Georg Friedrich Händel] 02:24

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

07  No Potho Reposare [Salvatore Sini • Giuseppe Rachel] 04:34
08  Zero [Lester Bowie] 07:14
09  Bing! [Paolo Fresu] 00:55
10  Surgentem Cum Victoria [Pierluigi Palestrina] 03:11
11  Shorty [Steven Bernstein] 04:45
12  Wienerschnitzel [Steven Bernstein • Paolo Fresu • Gianluca Petrella • Marcus Rojas] 00:40
13  Manic Depression [Jimi Hendrix] 02:45
14  Bung! [Steven Bernstein] 01:03
15  Rockin’ In Rhythm [Duke Ellington] 06:19
16  Bong! [Gianluca Petrella] 01:08
17  Fuga [Paolo Fresu] 02:37
18  Guarda Che Luna [Gualtiero (Walter) Malgoni • Bruno Pallesi] 04:14

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Recording and Mixing in Udine • ArteSuono Studio • Italy by Stefano Amerio in April 22-25 2013 • Mastered by Stefano Amerio
Production Paolo Fresu & Vic Albani [http://tukmusic.paolofresu.it]
Artistic Production Brass Bang!
Production Coordinator Luca Devito
Cover Image Dissonanze oniriche e cognitive
2014 • tecnica mista su carta, acrilici e collage [80 x 80 cm] by Anna Godeassi [http://annagodeassi.it]
Photography Roberto Cifarelli [www.robertocifarelli.com]
Graphic Design Benno Simma [www.bennosimma.com] [www.paolofresu.it • http://tukmusic.paolofresu.it]
Contact Pannonica Music • Vic Albani
phone +39 0471 400193 mobile +39 335 252955 freefax +39 02 700504930 [info@ pannonica.it • www.pannonica.it]

Paolo Fresu plays Oiram Fresu flugelhorn by Hub Van Laar
Marcus Rojas plays Miraphone tubas

Dino Rubino – Kairòs

17 luglio, 2014

Ciò che mi sembrava amaro, mi fu cambiato in dolcezza d‘anima e di corpo San Francesco d’Assisi

Ringrazio mio padre, mia madre e Don Salvatore Verzì: la mia famiglia.
Grazie a Paolo Fresu per tutte le esperienze che mi dona.
Grazie a Giuseppe Mirabella per il trasporto che ha impiegato per la realizzazione di questo disco, a Riccardo Fioravanti per la sua necessaria essenzialità, ad Adam Nussbaum per aver danzato con me.
Ringrazio Angelo Bonaccorso, Emanuele Giunta, Vincenzo Paratore e Gaetano Cristofaro per la loro gentilezza e la loro professionalità e Francesco Cultreri per la direzione dell‘ensemble di fiati.
Grazie a Gaetano Leonardi di Arte Sicilia.

Frenesia d’una notte

Frenetica notte stanotte
tra spasmi di corpi
fumi e profumi
vaghiamo tra morti

frenetica notte stanotte
nell‘oblio dell‘effimero vivo
l‘inesauribile desiderio dell‘essere
divo fra la folla
morto dalla voglia

frenetica notte stanotte
e strade e sguardi e suoni
innalziamo potenti grotte
tra lampi e tuoni

frenetica notte stanotte
ascoltando il silenzio di questo cuore
Il tempo s‘arresta e spegne un sorriso
giacche‘ di vita si muore

Oh notte!
quanto buio all‘improvviso
venisse la luce del mattino
a riscaldare il nostro viso.

Giuseppe Rubino (agosto 2006)

about Kairòs:
DINO RUBINO piano e arrangiamenti
GIUSEPPE MIRABELLA chitarre e arrangiamenti
RICCARDO FIORAVANTI contrabbasso
ADAM NUSSBAUM batteria
ANGELO BONACCORSO corno francese
EMANUELE GIUNTA corno francese
VINCENZO PARATORE trombone
GAETANO CRISTOFARO clarinetto basso

TRACKLIST:
01  Departure 01:27

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

02  Pellicano 05:27

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

03  Rain 05:30
04  Kairòs 05:34
05  Grounding 04:29
06  Getsèmani 07:14

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

07  Algos 06:02
08  Agape 06:19
09  Barabba 02:59
10  Fratello 03:11

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

11  Frenesia d’una notte 04:12

Registrazione e mixaggio il 5, 6 e 7 ottobre 2013 presso In Arte Studio Recording di Piazza Armerina [EN] da Andrea Bilello
Assistente di studio Sebastiano Spagnolo
Fotografia Roberto Rago [direzioneopposta.com]
Graphic Design Benno Simma [www.bennosimma.com]
Produzione Paolo Fresu e Tǔk Music [http://tukmusic.paolofresu.it]
Produzione artistica Dino Rubino e Giuseppe Mirabella
Contatti Dino Rubino [www.dinorubino.com] dino.rubino@virgilio.it