overDOORS

Luca Aquino – OverDOORS

Freedom creates your doubts. Jim Morrison

Leggi tutto

CD-PETRINA-COVER-150106-copia

Petrina – Roses Of The Day

volteggiando dalla tremenda menzogna del sonno
vedo le rose del giorno crescere profonde
- e.e. cummings

Leggi tutto

jazzy-xmas

Paolo Fresu Quintet feat. Daniele Di Bonaventura – Jazzy Christmas

JAZZY CHRISTMAS è il nostro modo di mettere insieme, in musica, sensazioni e ricordi indimenticabili.
Come è avvenuto in quella magica sera del 18 dicembre 2013 a Sassari, e come spero avvenga con l’ascolto del cd che testimonia quel particolare momento.

Leggi tutto

cover-brass-bang!

Benstein/Fresu/Petrella/Rojas – Brass Bang!

Il jazz non è morto, ha solo un odore un po’ curioso – Frank Zappa

Leggi tutto

DINOKAIROS

Dino Rubino – Kairòs

Ciò che mi sembrava amaro, mi fu cambiato in dolcezza d‘anima e di corpo. San Francesco d’Assisi

Leggi tutto

Luca Aquino – OverDOORS

21 marzo, 2015

Freedom creates your doubts. Jim Morrison


about OverDOORS:

LUCA AQUINO trumpet and live electronics
DARIO MIRANDA electric bass
ANTONIO JASEVOLI guitars
LELE TOMASI drums

RODOLPHE BURGER voice and guitars on Riders On The Storm
PETRA MAGONI voice on Queen Of The Highway
CAROLINA BUBBICO voice on Indian Summer

TRACKLIST:
01  Peace Frog
02  Waiting For The Sun
03  OverDOORS

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

04  Blue Sunday

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

05  Queen Of The Highway
06  Ship Of Fools
07  Yes, The River Knows
08  Riders On The Storm

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

09  Hyacinth House
10  Light My Fire
11  Indian Summer

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

All songs composed by Jim Morrison • John Paul Densmore • Raymond Daniel Manzarek • Robert Alan Krieger and published by Doors Music Company, except OverDOORS by Luca Aquino – Tǔk Music • Five Fishes, Light My Fire published by Warner Chappell Music Inc. and Indian Summer written by Jim Morrison and Robert Alan Krieger.

Recording, Mixing and Mastering Rexrecord Studio • [Telese, Benevento, Italy] by Manlio Moscarino, October 2014 [www.rexrecord.it]

Production Paolo Fresu and Tǔk Music [http://tukmusic.paolofresu.it] ; Pierre Darmon and Bonsaï Music [http://bonsaimusic.fr]

Production Coordinator Luca Devito

Artistic Production Luca Aquino

Photos Lorenzo Palmieri [www.lorenzopalmieri.it]

Graphic Design Benno Simma [www.bennosimma.com]

Cover Image Satire in a time of terror 2011 • digital art • by Francesco Bongiorni [www.francescobongiorni.com]

Luca Aquino exclusively plays Van Laar trumpets [www.vanlaartrumpets.nl]
Dario fell in love with his 1966 Fender bass orange
Antonio plays Caiazzo e Scala guitars
Lele plays Daila drums

For any contact and info please visit the website [www.lucaaquino.com]

“Tributes are a kind of fashion in jazz and today it’s cool to declare oneself a rockstar. That’s why I pulled myself back from dedicating an album to The Doors, my absolute favorite band, for such a long time. Then my love to Jim Morrison and his mates dominated.

OverDOORS, despite facing some troubles at the beginning, has been growing strongly. The first doubt was wich songs to choose: I wish I could revisit them all. Under my fingers I had another doubt, due to the different possibilities of how to reinterpret the historical Californian band. For one month, only one question was on my mind: should I choose a cover approach or a free musical revision? I actually took both, wearing Converse, feeling free to analyse and fit back [Light My Fire], singing and whispering melodies both ethereal and eternal [like Blue Sunday and Yes, The River Knows]. I am curious to see my friends’ reaction to the groove Waiting For The Sun; Carlo, Piero and all others, whom I dreamt with, sitting on a bench, flying on the notes of LA Woman. Luca

Luca would like to thank his friend and teacher Paolo Fresu, Pierre Darmon, Max Darmon, Luca Devito, Lorenzo Palmieri, Francesco Bongiorni, and the whole Tǔk Music and Bonsaï Music staff. The great Dario Miranda with Lele Tomasi, Manlio Moscarino, Antonio Jasevoli and Nina. Petra Magoni, Rodolphe Burger and Carolina Bubbico. Mr. Manu Katchè and Mr. Marco Barbone. E. Blumer, M. Huuskonen, M. Piras, C. Avarello, F. Gregori, A. Rebora and G. Giachery. My beloved Isabella, Saretta, my unique MumDad, Mattia, uncle Enzo, Tona, Annamaria and my whole family. French Cocò, Gregorio, Chet, Liz, Barry and Bianchina. The Captain’s suggestions, Sergio and UmBaker‘s good advices and the everlasting friends Giampiero, Carlo, Piero, Pasquale 1/2, Poppy, Francesco, Pasquale Pedicini, Cipolla, Fabrizio, Stefano, Mario afafaè, Lelio, Trusio, Luca De Luca, Raffaele Zolli, Valerio Vestoso, etc.

Petrina – Roses Of The Day

14 gennaio, 2015

about ROSES OF THE DAY:
Petrina: voice, piano, prepared piano

TRACKLIST:
01 Only (Morton Feldman, Rainer Maria Rilke)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

02 River Man (Nick Drake)
03 Burning Down The House (David Byrne, Christopher Frantz, Martina Weimouth, Jerry Harrison)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

04 Ghosts (David Sylvian)
05 Angel Eyes (Matt Dennis)
06 Roses Of The Day (John Cage, Debora Petrina, e.e. cummings)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

07 Ha Tutte Le Carte In Regola (Piero Ciampi, Gianni Marchetti)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

08 Light My Fire (Jim Morrison, John Paul Densmore, Raymond Daniel Manzarek, Robert Alan Krieger)
09 Sweet Dreams [Are Made Of This] (Annie Lennox, David Allan Stewart)
10 Can You Follow? (Jack Bruce)

Arranged and Performed by PETRINA [www.deborapetrina.com]
Recorded and Mixed by Mirko Di Cataldo at Studio Mobile 80, Padova [www.studiomobile80.com]
Mastered by Max Trisotto
Produced by Paolo Fresu and Tǔk Music [http://tukmusic.paolofresu.it/]
Artistic Production PETRINA
Production Coordinator Luca Devito
Cover Image Paul Mennea [http://tinyurl.com/paulmennea]
Photos
Back cover and no.4 by Ivannavi [www.getalook.it]
No.2, 3 and dress by Claudia Fabris [http://lacamerieradipoesia.tumblr.com]
Graphic Design Benno Simma [www.bennosimma.com]
PETRINA Official Management Paolo Naselli Flores [paolo@unomondo.it]

Piano tracks no.2 and 6 are recorded at Fazioli Concert Hall, Sacile, on Fazioli F278
Piano tracks no.3, 4, 5, 7, 8, 9 and 10 are recorded on Davide Furlanetto‘s Yamaha C.F. Padova
Roses of the Day is composed by PETRINA, after Experiences no.2 by John Cage The score is available from C.F. Peters [www.edition-peters.com]

La rilettura di brani altrui è stato l‘inizio della mia avventura di compositrice e cantautrice, il primo passo verso la scrittura dei miei propri brani. Era un modo di appropriarmi di quelle canzoni che amavo, di far parte della loro luce con un pezzetto di me.
Così negli anni ho riletto tanta musica, da Manuel Saumell ai canti lagunari, dalle ninne nanne cubane agli standard jazz, dai Radiohead a Frederic Rzewski.
Quest‘album ne propone una scelta, una specie di playlist di preferiti, aperta e chiusa da due brani brevi, quasi degli aforismi in musica, che ho preferito lasciare intatti: Only di Morton Feldman e Can You Follow? di Jack Bruce.
Per gli altri ho scelto di dar spazio a fantasie armoniche e inserti pianistici, a volte deviando anche parecchio dalle melodie e dalle strutture originali, come se i brani che avevo di fronte non fossero immobili ma potessero mutare, cambiare forme e colori, mettere radici in terreni nuovi e crescere diversamente.
Come di ritorno da un sogno notturno, di quelli che riescono a dare una luce diversa al nuovo giorno.
E‘ quello che e.e.cummings, celebre scrittore americano che ha ispirato tra l‘altro due canzoni di Björk e una composizione di Luciano Berio, deve aver pensato scrivendo it is at moments after I have dreamed, la poesia che John Cage ha musicato in Experiences no.2.
Roses of the Day è una mia rilettura di quel brano, e porta come titolo un‘immagine contenuta negli ultimi due versi, quelli che Cage ha misteriosamente omesso, e che considero i più rivelatori:

volteggiando dalla tremenda menzogna del sonno / vedo le rose del giorno crescere profonde
e.e. cummings

________________________________________________________________

Reinterpreting other artists‘ pieces has been the beginning of my adventure as a composer and songwriter, the first step towards writing my own pieces. It was a way to appropriate those songs I loved, to be part of their light with a small piece of myself.
So over the years I reinterpreted much music, from Manuel Saumell to Venetian songs, from Cuban lullabies to standard jazz, from Radiohead to Frederic Rzewski. This album proposes a selection of them, a sort of favourite playlist, that opens and ends with two short songs, almost musical aphorisms that I prefered to leave untouched: Only by Morton Feldman and Can You Follow? by Jack Bruce. For the others I have chosen to make room for harmonic fantasies and piano inserts, sometimes wandering quite a lot from the original melodies and structures, as if the music in front of me was not still, but could move, change shapes and colours, take root in new lands and grow differently.
It is like coming back from a night dream, one of those that is able to give a different light to the new day.
e.e.cummings, a famous American poet who inspired, amongst other things, two songs by Björk and one composition by Luciano Berio, may have thought this same thing while writingit it is at moments after I have dreamed, the poem that John Cage put into music in Experiences no.2.
Roses of the Day is my reinterpretation of that song, and takes as a title an image contained in the last two lines, the ones Cage mysteriously omitted, and which I consider the most revealings:

turning from the tremendous lie of sleep / i watch the roses of the day grow deep
e.e. cummings

Paolo Fresu Quintet feat. Daniele Di Bonaventura – Jazzy Christmas

3 dicembre, 2014

about JAZZY CHRISTMAS:
Paolo Fresu: tromba, flicorno e multieffetti
Daniele di Bonaventura: bandoneon
Tino Tracanna: sax tenore e soprano
Roberto Cipelli: pianoforte
Attilio Zanchi: contrabbasso
Ettore Fioravanti: batteria

TRACKLIST:
01. White Christmas (Irving Berlin)
02. I’ll Be Home For Christmas (Kim Gannon, Walter Kent & Buck Ram)
03. In Sa Notte Profundha (Agostino Sanna & Pietro Casu/Arr. Paolo Fresu)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

04. Joy To The World (Isaac Watts & Georg Friedrich Händel)
05. Have Yourself A Merry Little Christmas (Hugh Martin & Ralph Blane)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

06. The Christmas Song [Chestnuts Roasting On An Open Fire] (Mel Tormé & Bob Wells)
07. Notte De Chelu (Agostino Sanna & Pietro Casu/Arr. Paolo Fresu)
08. Till Bethlehem (Tradizionale)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

09. O Little Town Of Bethlehem (Phillips Brooks & Lewis Redner)
10. Naschid’Est In Sa Cabanna (Agostino Sanna & Pietro Casu/Arr. Paolo Fresu)
11. Adeste Fideles (Tradizionale/Arr. Roberto Cipelli)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Registrazione live a Sassari, Nuovo Teatro Comunale, 18 dicembre 2012
Tecnico del suono: Fabrizio Dall’Oca
Mix e mastering: Rockhaus Blu studio, Sassari
Tecnico del suono: Alberto Erre
Produzione: Paolo Fresu e Tǔk Music
Produzione artistica: Paolo Fresu e Roberto Cipelli
Si ringraziano: Pannonica Music (Vittorio Albani e Stefania Conte) e Luca Devito

Quando la Banca di Sassari mi ha chiesto un concerto da tenere nel dicembre del 2013 ho pensato immediatamente a un programma speciale.
L’idea originaria era quella di integrare il nostro repertorio abituale con alcuni brani relativi al Natale ma l’idea di realizzarlo per intero su questo tema ha preso il soppravvento.
Da qualche anno, infatti, il nostro Quintetto (che nel 2014 ha compiuto trent’anni) ama suonare qualche brano natalizio in coincidenza del periodo dell’Avvento.
Con l’aiuto di Roberto Cipelli abbiamo immediatamente scelto alcune composizioni, alle quali se ne  sono aggiunte alcune in duo con Daniele di Bonaventura.
Queste ultime fanno quasi totalmente parte del conosciuto repertorio delle Cantones De Nadale che il parroco e letterato berchiddese Pietro Casu scrisse assieme al Canonico Agostino Sanna di Ozieri nel Dicembre del 1927, e che oggi vengono eseguite in tutta la Sardegna.
Ho ancora nelle orecchie le melodie celestiali di Notte De chelu e In Sa Notte Profundha cantate dal coro di Berchidda (e dai fedeli tutti) la notte di Missa ‘e Puddhos.
Fuori spesso nevicava, e nelle case i camini erano accesi in attesa del pranzo di Natale e dei regali. Gli agnellini con il fiocco rosso, regalati dai pastori ai bambini, belavano nelle case e attendevano il ritorno dei fedeli dopo Sa Missa Cantada che noi chierichetti avevamo l’onore di servire in quella notte speciale.
Le voci di Frank Sinatra, Mel Tormé e Bing Crosby arrivarono dopo, con la televisione, e hanno incarnato nell’immaginario comune il sogno americano, i cartoons di Walt Disney e i grandi alberi addobbati e circondati di pacchi luccicanti.
Due mondi diversi e lontani accomunati da sempre da belle canzoni.
Popolari quelle di Pietro Casu ma altrettanto popolari quelle di White Christmas, Have Yourself A Merry Little Christmas o The Christmas Song.
Ma esistono anche una terza e una quarta via all’infinito repertorio natalizio.
Si tratta di quelle songs che raccontano di renne che partono dalle lande del Nord per portare i regali ai bimbi buoni, e di gioie vissute con coloro a cui vogliamo bene.
Quelle che la stella cometa porta con sé in tutto il mondo e che qui sono raccontate in Till Bethlehem e Joy To The World.
Il Natale di ognuno di noi è differente, ma è invece uguale il senso della felicità e di condivisione che appartiene ai popoli di tutti i Continenti.
JAZZY CHRISTMAS è il nostro modo di mettere insieme, in musica, sensazioni e ricordi indimenticabili.
Come è avvenuto in quella magica sera del 18 dicembre 2013 a Sassari, e come spero avvenga con l’ascolto del cd che testimonia quel particolare momento.
Paolo Fresu

____________________________________________________________________________________________________________

“White Christmas”

E’ una famosa canzone scritta da Irving Berlin il cui testo è ispirato a quello di White Christmases. Della stessa sono state eseguite innumerevoli versioni, di cui molte in lingua italiana con il titolo Bianco Natale.

La mattina dopo aver scritto la melodia, Berlin corse in ufficio e disse alla sua segretaria: <Prendi la penna e prendi appunti su questa canzone. Ho appena scritto la mia migliore canzone; diavolo, ho appena scritto la migliore canzone che chiunque abbia mai scritto!>.

L’incisione più famosa è senz’altro quella di Bing Crosby, registrata nel 1942.
Crosby venne convocato negli studi della Decca Records il 18 marzo del 1947 per registrarla nuovamente, dato che l’incisione originale si era danneggiata per il frequente utilizzo. Si fece il possibile affinché fosse identica alla precedente, convocando ancora la Trotter Orchestra e i Darby Singers. Questa versione divenne uno dei brani più venduti nella storia della discografia.

“I’ll Be Home For Christmas”

E’ una malinconica canzone natalizia statunitense, scritta nel 1943 da Buck Ram, Kim Gannon e Walter Kent. Venne incisa nello stesso anno da Bing Crosby assieme alla John Scott Trotter Orchestra per la Decca Records. Risultò di grande successo  tra i cittadini e i soldati statunitensi che si trovavano nel pieno della seconda guerra mondiale, poiché il titolo significa “Tornerò a casa per Natale”.

In seguito divenne quasi un tradizionale, inciso anche da Perry Como e da Frank Sinatra e successivamente da numerosi altri cantanti.

La canzone parla di una persona lontana dai propri cari che si augura di tornare a casa per il giorno di Natale e lo comunica in stile epistolare. Una lettera nella quale invita i propri familiari a mantenere – nonostante il dispiacere per la sua lontananza – le tradizioni natalizie.

“In Sa Notte Profundha”

E’ uno dei brani scritti dal Canonico Agostino Sanna (parte musicale) e da Babbai Pedru Casu di Berchidda (testo). Il Sanna fu dapprima organista nella Cattedrale di Ozieri e poi direttore della ‘Schola Cantorum’ di Sassari per poi approdare a Berchidda come vice-parroco, dal 1927 al 1930. E’ in questi anni che lavora alle musiche delle Cantones De Nadale adattando alcune melodie sarde allora in uso. Pietro Casu compone le liriche e da questo incontro nascono le più belle e struggenti melodie natalizie oggi eseguite in tutta la Sardegna. Sono composizioni semplici, funzionali ad esser cantate anche dai bambini. In In Sa Notte Profundha risaltano i suoni della natura: un usignolo canta nella notte profonda e un calmo fiume racconta di misteriose allegrie.

“Joy To The World”

Fu composto nel 1719 dallo scrittore inglese Isaac Watts che riadattò un Salmo dedicato a Re Davide.

La melodia è basata sul Messia del compositore tedesco Georg Friedrich Händel poi arrangiata nel 1836 da Lowell Mason.

“Have Yourself A Merry Little Christmas”

E’ una canzone scritta nel 1943 da Hugh Martin e da Ralph Blane ed incisa per la prima volta da Judy Garland, che la interpretò l’anno successivo nel film Incontriamoci a Saint-Louis.
La canzone è stata anche incisa da Frank Sinatra in una versione leggermente modificata e divenuta più popolare della precedente.

Nel film in questione viene cantata in una scena in cui la famiglia protagonista, residente a Saint-Louis, è distrutta per l’imminente partenza del capofamiglia per motivi di lavoro: il personaggio interpretato da Judy Garland la canta il giorno della vigilia di Natale per rincuorare la sorellina affranta.

“The Christmas Song”

Mel Tormé, dotato di una voce elegante dal timbro vellutato, è stato uno dei più grandi cantanti jazz dello scorso secolo e ha composto con Bob Wells questa classica holiday song.

Il brano è noto anche come Chestnuts Roasting on an Open Fire (Caldarroste al caminetto).

“Notte De Chelu”

Un’altra canzone scritta a quattro mani da Agostino Sanna e Pietro Casu, che racconta di una notte celeste e della felicità dell’uomo per la nascita del Bambino che ci libererà dalle pene dell’Inferno.

“Till Bethlehem”

E’ un nostalgico e poco conosciuto tradizionale norvegese. La semplice ed efficace melodia si canta nelle strade e nelle case di tutta la Scandinavia a partire dal 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, con gruppi di ragazze vestite di bianco che tengono in mano un lumino acceso.

“O Little Town Of Bethlehem”

E’ un tradizionale canto natalizio, composto nel 1868 dal vescovo statunitense Phillips Brooks, autore del testo, e dal suo organista Lewis Redner, autore della melodia.

Il brano fu probabilmente ispirato da un viaggio in Terra Santa compiuto da Brooks tre anni prima.

“Naschid’Est In Sa Capanna”

Probabilmente è una delle composizioni più riuscite di Agostino Sanna e Pietro Casu. Stavolta i protagonisti sono gli angeli che cantano in cielo per l’alto Re e che si posano intorno alla povera capanna volando e accendendosi di luce.

“Adeste Fideles”

Non esistono prove sufficienti per attribuirne la paternità ad un autore ben identificato. L’unica certezza che emerge dalla documentazione esistente è il nome del copista, ossia colui che trascrisse materialmente il testo e la melodia: sir John Francis Wade. Egli lo avrebbe preso da un tema popolare irlandese nel 1743-1744 per l’uso di un coro cattolico, a Douai, cittadina nel nord della Francia, a quel tempo importante centro cattolico di riferimento e di rifugio per i cattolici perseguitati dai protestanti nelle Isole britanniche.

La nostra versione è l’unico brano volutamente in acustico tra quelli eseguiti a Sassari.
Da questo dipende il suono così diverso. Più riverberato e spazialmente distante è interpretato in trio con bandoneon, tromba con sordina e sax soprano.

Gli ottoni e le ance rappresentano idealmente le voci maschili e femminili del coro, mentre il bandoneon, strumento nato in Germania alla metà dell’Ottocento, riacquista – soprattutto nella lunga introduzione – il suo ruolo originario di piccolo organo portatile che serviva all’accompagnamento delle funzioni religiose nelle chiese protestanti.