whistleblowers-cover

Fresu・Linx・Wissels / Heartland – The Whistleblowers

Leggi tutto

Cover-copia

Tǔk Music Antologico – Give Me Five By Foot

Perché gli antichi li amavano e per prima cura di ospitalità li lavavano al viandante. Perché non sanno accusare e non impugnano armi. Perché sono stati crocefissi. Perché, come le capre, amano il sale. Perché portano via. Da Elogio dei Piedi – Erri De Luca Tǔk Music è un sogno e una scommessa una idea [...]

Leggi tutto

cover-Jazzy-Christmas

Paolo Fresu Quintet feat Daniele di Bonaventura – Jazzy Christmas

Pannos no hat sa mama a lu bestire,
Ma lughe l‘hat cherfidu ammantare,
No hat prendas ne oro a si finire,
ma hat tott‘astros e mundu in destinu.
Pedru Casu

Leggi tutto

cover-medina

Raffaele Casarano – Medina

Ogni città riceve la sua forma dal deserto a cui si oppone. Italo Calvino

Leggi tutto

roaming-heart

Dino Rubino – Roaming Heart

Niente è grave, tutto ricomincia. Nel cuore di chi crede c‘è sempre una profonda speranza.
Edith Piaf

Leggi tutto

Fresu・Linx・Wissels / Heartland – The Whistleblowers

29 gennaio, 2016

Tǔk Music Antologico – Give Me Five By Foot

19 gennaio, 2016

Perché gli antichi li amavano e per prima cura di ospitalità li lavavano al viandante.
Perché non sanno accusare e non impugnano armi. Perché sono stati crocefissi.
Perché, come le capre, amano il sale. Perché portano via.
Da Elogio dei Piedi – Erri De Luca

Tǔk Music è un sogno e una scommessa una idea sottile che si fa suono e immagine.
Give me five by foot! sono cinque anni di pensieri
venticinque storie musicali e altrettante immaginifiche opere d’arte.

Tǔk Music is a dream and a challenge
a thin idea that becomes sound and image.
Give me five by foot! is five years of thoughts
twentyfive music stories as many immaginific art pieces.

Tǔk Music est à la fois rêve et enjeu
une pensée délicate devenue musique et image.
Give me five by foot! né de cinq années de réflexions
a donné naissance à vingt cinq contes musicaux et autant magnifiques œvres d’art.

Tǔk Music es un sueño y una apuesta
una idea sutil que se convierte en sonido e imagen.
Give me five by foot! han sido cinco años de pensamientos
veinticinco historias musicales y otras tantas fantásticas obras de arte.

Tǔk Music ist Traum und Wette
eine reine Idee die sich in Bild und Ton verwandelt.
Give me five by foot! ist fünf Jahre Gedanken
fünfundzwanzig musikalische Geschichten und fantasievolle Kunstwerke.

Tǔk Music est unu sonniu e una iscommissa un’istrizile idea chi si faghet sonu e immadzine.
Give me five by foot! sunu chimbe annos de pensamentos
vintichimbe contos musicales e atterettantas ispantadas oberas de arte.
Paolo Fresu

Cover image and back cover
Give me five by foot! by Paolo Fresu
[RX piede sinistro con frattura del 2/3 metatarso di Andrea Fresu su Kodak CR975 virate in colore - Istituto Ortopedico Rizzoli - Bologna - 20 aprile 2015 Ore 09:33:59]

Production
Paolo Fresu and Tǔk Music

Artistic Production
Paolo Fresu

Production Coordinator
Luca Devito

Graphic Design
Benno Simma

Press Office
Gianpietro Giachery

Mastering
Stefano Amerio/ArteSuono Studio [Cavalicco, Udine, Italy]

Thanks to
Pierre Darmon and Bonsaï Music, Luca Devito, Patrizio Romano, Vittorio Albani, Stefania Conte and the team of Pannonica Music, Roberto Cipelli, Omar Sosa and Scott Price, Fausto Dasè and Timur Semprini, Pilar Cossio Gomez, Marco Darmon, Ferdinando Vicentini Orgnani, Titti Santini and Ponderosa, Puglia Sounds, all the musicians and all the cover’s artists, Gianpietro Giachery, Benno Simma (also for the title’s idea of the CD), Luca Panaro and the Reparto di Radiologia dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna.

TRACKLIST:

CD ONE

01 ETERNINNA (Tino Tracanna)

From “Songlines” . Tǔk Music 2010

Paolo Fresu (trumpet and flugelhorn) Tino Tracanna (tenor sax)
Roberto Cipelli (piano)
Attilio Zanchi (double bass)
Ettore Fioravanti (drums)

02 BLUE GARDENIA (Lester Lee – Bob Russell)

From “Night & Blue” . Tǔk Music 2010 Paolo Fresu (trumpet)

Roberto Cipelli (piano)
Attilio Zanchi (double bass)
Ettore Fioravanti (drums)

03 GRATIA (Raffaele Casarano)

From “Argento” . Tǔk Music 2010

Raffaele Casarano (soprano sax, live electronics)
Marco Rollo (programming, loops)
Ettore Carucci (piano)
Marco Bardoscia (double bass)

04 THE FIFTH SEASON – TEMPO 1° (Karl Jenkins)

From “Éthos” . Tǔk Music 2010

Anton Berovski (violin)
Sonia Peana (violin)
Nico Ciricugno (viola)
Piero Salvatori (cello)

05 LA MER (Charles Trenet)

From “Chiaro” . Tǔk Music 2011

Luca Aquino (trumpet)
Lucio Dalla (voice, clarinet)
Audun Erlien (electric bass, prepared bass, effects, Casio synth)
Wetle Holte (drums, percussions, live electronics)

06 UNDER AFRICAN SKYES (Paul Simon)

From “Alma” . Tǔk Music 2011

Paolo Fresu (trumpet, flugelhorn, whistle, percussions, multieffects)
Omar Sosa (piano, fender rhodes, MicroKORG, samplers, multieffects, percussions, vocals)
Jaques Morelenbaum (cello)

07 GRAN TORINO (Clint Eastwood – Kyle Eastwood Michael C. Stevens – Jaime Cullum)

From “Specs People” . Tǔk Music 2012

Bebo Ferra (electric guitar)
Gianluca Di Ienno (Hammond organ, live electronics)
Maxx Furian (drums)

08 MALAIKA (Fadhili William Mdawida)

From “Zenzi” . Tǔk Music 2012

Dino Rubino (piano)
Paolino Dalla Porta (double bass)
Stefano Bagnoli (drums)

09 DESERTICO (Bebo Ferra)

From “Desertico” . Tǔk Music/Bonsaï 2013

Paolo Fresu (trumpet, multieffects)
Bebo Ferra (electric guitar)
Paolino Dalla Porta (double bass)
Stefano Bagnoli (drums)

10 MARIA E IL MARE (Daniele di Bonaventura)

From “Nadir” CD 01 . Tǔk Music 2013

Daniele di Bonaventura (bandoneon)

11 KYRIE ELEISON (Daniele di Bonaventura)

From “Nadir” CD 02 . Tǔk Music 2013

Daniele di Bonaventura (piano)
Yuri Goloubev (double bass)
U. T. Gandhi (drums)

12 MASTROIANNI (Sade Mangiaracina)

From “aQustico” . Tǔk Music 2013

Luca Aquino (flugelhorn)
Carmine Ioanna (fisarmonica)
Sade Mangiaracina (piano)
Giorgio Vendola (double bass)
Alessandro Marzi (drums, percussions)

13 LU RUSCIU DE LU MARE (Traditional - Adaptation by Raffaele Casarano and Giuliano Sangiorgi)

From “Noé” . Tǔk Music 2013

Raffaele Casarano (alto sax)
Giuliano Sangiorgi (voice)
Lele Spedicato (electric guitar)
Mirko Signorile (piano)
Marco Bardoscia (double bass)
Marcello Nisi (drums)
Giuliano Sangiorgi appears courtesy of Sugar Srl

CD TWO

01 CLASSICO (Paolo Fresu)

From “Vinodentro” . Tǔk Music 2013

Paolo Fresu (trumpet)
I Virtuosi Italiani (strings)
Daniele di Bonaventura (arrangements)

02 SØ (Francesco Ponticelli)

From “Ellipses” . Tǔk Music 2014

Francesco Ponticelli (double bass, electronics) Enrico Zanisi (piano)
Dan Kinzelman (clarinet)
Mirco Rubegni (french horn)
Luisiana Lorusso (violin)
Enrico Zanisi appears courtesy of CAM Jazz

03 CHIARO (Paolo Fresu)

From “¡30!” . Tǔk Music/Bonsaï 2014

Paolo Fresu (trumpet)
Tino Tracanna (tenor and soprano sax)
Roberto Cipelli (piano, Fender Rhodes, keyboard)
Attilio Zanchi (double bass)
Ettore Fioravanti ( drums)
Feat. Bonnot (samplers)

04 PELLICANO (Dino Rubino)

From “Kairòs” . Tǔk Music 2014

Dino Rubino (piano)
Giuseppe Mirabella (electric guitar, arrangements)
Riccardo Fioravanti (double bass)
Adam Nussbaum (drums)
Angelo Bonaccorso (french horn)
Emanuele Giunta (french horn)
Vincenzo Paratore (trombone)
Gaetano Cristofaro (bass clarinet)

05 LA RÉJOUSSANCE – MUSIC FOR THE ROYAL FIREWORKS (Georg Friedrich Händel)

From “Brass Bang!” . Tǔk Music 2014

Paolo Fresu (pocket trumpet) left channel
Steven Bernstein (slide trumpet) right channel
Gianluca Petrella (trombone) left channel
Marcus Rojas (tuba) right channel

06 IN SA NOTTE PROFUNDHA (Agostino Sanna, Pietro Casu / Arr. by Paolo Fresu)

From “Jazzy Christmas” . Tǔk Music 2014

Paolo Fresu (trumpet)
Tino Tracanna (tenor and soprano sax)
Roberto Cipelli (piano, Fender Rhodes, keyboard)
Attilio Zanchi (double bass)
Ettore Fioravanti (drums)
Feat. Bonnot (samplers)

07 ROSES OF THE DAY (John Cage – Debora Petrina – e.e. cummings)

From “Roses Of The Day” . Tǔk Voice 2015

Petrina (voice, piano, prepared piano)

08 RIDERS ON THE STORM (Jim Morrison – John Paul Densmore – Raymond Daniel Manzarek – Robert Alan Krieger)

From “OverDOORS” . Tǔk Music/Bonsaï 2015

Luca Aquino (trumpet, live electronics) Rodolphe Burger (voice)
Dario Miranda (electric bass)
Antonio Jasevoli (guitars)
Lele Tomasi (drums)

09 SMILE (Charlie Chaplin – John Turner – Geoffrey Parsons)

From “Roaming Heart” . Tǔk Music/Bonsaï 2015

Dino Rubino (piano)

10 REMEMBERING ESBJÖRN (Raffaele Casarano)

From “Medina” . Tǔk Music 2015 Raffaele Casarano (soprano sax)

Erik Honoré (live samplers)
Mirko Signorile (piano)
Marco Bardoscia (double bass, electronics) Cristiano Calcagnile (drums)
Alessandro Monteduro (percussions)
Orchestra sinfonica “Tito Schipa”
Alfonso Girardo (conduction and arrangements)

11 AS ONE (Diederik Wissels – David Linx)

From “The Whistleblowers” . Tǔk Voice/ Bonsaï 2015 David Linx (voice)

Paolo Fresu (flugelhorn. multieffects)
Diederik Wissels (piano)
Christophe Walemme (double bass)
Helge Andreas Norbakken (percussions)
Quartetto Alborada (strings)

12 INSIDE (Piero Salvatori)

From “Trigono” . Tǔk Music 2015

Marco Bardoscia (double bass)
Rita Marcotulli (piano)
Anton Berovski (violin)
Sonia Peana (violin)
Nico Ciricugno (viola)
Piero Salvatori (cello)

A Marco. Il suo sorriso. In Memoriam. 29.05.2015

Paolo Fresu Quintet feat Daniele di Bonaventura – Jazzy Christmas

21 ottobre, 2015

about JAZZY CHRISTMAS:
Paolo Fresu: tromba, flicorno e multieffetti
Daniele di Bonaventura: bandoneon
Tino Tracanna: sax tenore e soprano
Roberto Cipelli: pianoforte
Attilio Zanchi: contrabbasso
Ettore Fioravanti: batteria

TRACKLIST:
01. White Christmas (Irving Berlin)
02. I’ll Be Home For Christmas (Kim Gannon, Walter Kent & Buck Ram)
03. In Sa Notte Profundha (Agostino Sanna & Pietro Casu/Arr. Paolo Fresu)
04. Joy To The World (Isaac Watts & Georg Friedrich Händel)
05. Have Yourself A Merry Little Christmas (Hugh Martin & Ralph Blane)
06. The Christmas Song [Chestnuts Roasting On An Open Fire] (Mel Tormé & Bob Wells)
07. Notte De Chelu (Agostino Sanna & Pietro Casu/Arr. Paolo Fresu)
08. Till Bethlehem (Tradizionale)
09. O Little Town Of Bethlehem (Phillips Brooks & Lewis Redner)
10. Naschid’Est In Sa Cabanna (Agostino Sanna & Pietro Casu/Arr. Paolo Fresu)
11. Adeste Fideles (Tradizionale/Arr. Roberto Cipelli)

Recording
Live at Nuovo Teatro Comunale di Sassari • December 18th 2012 by Fabrizio Dall‘Oca

Mixing and Mastering
Rockhaus Blu Studio • Sassari by Alberto Erre
[www.rockhaus.it]

Production
Paolo Fresu and Tǔk Music
[http://tukmusic.paolofresu.it]

Production Coordinator
Luca Devito

Artistic Production
Paolo Fresu and Roberto Cipelli

Graphic Design
Benno Simma
[www.bennosimma.com]

Cover Image
Toni Demuro

English translations
Marta Devito, Pierre Darmon and Leo Sidran

Very special thanks to
Banca di Sassari [Ivano Spallanzani, Lucio Panti, Paolo Gianni Porcu and Antonio Garrucciu]
Toni Demuro, Pannonica Music [Vic Albani and Stefania Conte], Marta Devito, Pierre Darmon, Leo Sidran, Patrizio Romano, Salvatore Corona and Applausi.

Quando nel dicembre del 2012 la Banca di Sassari mi ha chiesto un concerto da tenere nel periodo natalizio ho pensato immediatamente a un programma speciale.
L’idea originaria era infatti quella di integrare il nostro re- pertorio abituale con alcuni brani relativi al Natale ma l’idea di rea- lizzarlo per intero su questo tema ha preso immediatamente il so- pravvento.
Da qualche anno, infatti, il nostro Quintetto (che agli inizi del 2016 compirà trentadue anni) ama suonare qualche brano natalizio in coincidenza del periodo dell’Avvento.
Con l’aiuto di Roberto Cipelli abbiamo immediatamente scelto al- cune composizioni, alle quali se ne sono aggiunte altre in duo con Daniele di Bonaventura.
Queste ultime fanno quasi totalmente parte del conosciuto repertorio delle Cantones De Nadale che il parroco e let- terato berchiddese Pietro Casu ha scritto assieme al Canonico Agos- tino Sanna di Ozieri nel Dicembre del 1927, e che oggi
vengono eseguite in tutta la Sardegna.
Ho ancora nelle orecchie le melodie celestiali di Notte De Chelu e In Sa Notte Profundha cantate dal coro di Berchidda e da tutti i fedeli la notte di Missa ‘e Puddhos.
Fuori spesso nevicava, e nelle case i camini erano accesi in attesa del pranzo di Natale e dei regali. Gli agnellini con il fiocco rosso, donati dai pastori ai bambini, belavano nelle case e attendevano il ritorno dei fedeli dopo quella messa che noi chierichetti avevamo l’onore di servire in quella notte speciale.
Le voci di Frank Sinatra, Mel Tormé e Bing Crosby arrivarono dopo, con la televisione, e hanno incarnato nell’immaginario comu- ne il sogno americano, i cartoons di Walt Disney e i grandi alberi addobbati e circondati di pacchi luccicanti ma spesso anche da regali poveri ma dal sapore intenso come quelli offerti dalla terra.
Due mondi diversi e lontani accomunati da sempre da belle canzoni.
Popolari quelle di Pietro Casu ma altrettanto popolari quelle di White Christmas, Have Yourself A Merry Little Christmas o The Christmas Song.
Ma esistono anche una terza e una quarta via all’infinito re- pertorio natalizio.
Si tratta di quelle songs che raccontano di renne che partono dalle lande del Nord per portare i regali ai bimbi buoni, e di gioie vissute con coloro a cui vogliamo bene.
Quelle che la stella cometa porta con sé in tutto il mondo e che qui sono raccontate in Till Bethlehem e Joy To The World.
Il Natale di ognuno di noi è differente, ma è invece uguale il senso della felicità e di condivisione che appartiene ai popoli di tutti i continenti.
JAZZY CHRISTMAS è il nostro modo di mettere insieme, in musica, sensazioni e ricordi indimenticabili.
Come è avvenuto in quella magica sera a Sassari, e come spero avvenga con l’ascolto del cd che testimonia quel particolare momento.
Paolo Fresu

___________________________________________________________________________________________________________

When in 2012 the Banca di Sassari asked me for a concert in December I immediately thought of a special program.
The original idea was to put in our usual repertoire some tunes related to Christmas but then we decided to develop a new one around this theme.
In the last years my Quintet (which will be 32 years old in 2016) used to play some Christmas tunes in the Advent season.
With the help of Roberto Cipelli we chose the compositions but we added something else in duo with Daniele di Bonaventura.
This are part of the famous repertoire of Cantones De Nadale that Pietro Casu, the parson and literary man from my home-town, wrote with the Canon from Ozieri, Agostino Sanna, in December 1927.
These tunes are very well-known in Sardinia and performed all around the island.
I can still hear the melodies of Notte De Chelu and In Sa Notte Profundha sung by the Berchidda choir (and all the people in the church) during the night Mass Missa ‘e Puddhos.
It was often snowing outside, and the fireplaces were lit up waiting for the Christmas dinner and gifts.
The lambs with a red bow given to children, bleating in our ho- mes and waiting for us to come back from the Mass (where we had the honour to serve as altar boys).
The voices of Frank Sinatra, Mel Tormé and Bing Crosby would come later with the television, the cartoons of Walt Disney and the big decorated trees surrounded by gleaming parcels that feed the American dream in our imagination.
Two different and distant worlds always linked by good and well-known songs.
The ones from Pietro Casu and the ones as White Christmas, Have Yourself A Merry Little Christmas and The Christmas Song.
But there’s also a third and a fourth way of the never-ending Christmas repertoire.
Based on those songs of reindeers departed from the moors of the North, bringing gifts to good children, and songs of joy shared with people we love.
Those songs that the comet brings all around the world and Till Bethlehem and Joy To The World talk about.
Christmas is different for everyone, but happiness and sharing belong to everyone in every continent the same way.
JAZZY CHRISTMAS is how we put feelings and memories together in music.
This is what happened in a magical evening of December 18, 2013 in Sassari, and I hope will happen again when listening to this record being the result of that special time.
Paolo Fresu

____________________________________________________________________________________________________________

“White Christmas”

E’ una famosa canzone scritta da Irving Berlin il cui testo è ispirato a quello di White Christmases. Della stessa sono state eseguite innumerevoli versioni, di cui molte in lingua italiana con il titolo Bianco Natale.
La mattina dopo aver scritto la melodia, Berlin corse in ufficio e disse alla sua segretaria: <Prendi la penna e prendi appunti su questa canzone. Ho appena scritto la mia migliore canzone; diavolo, ho appena scritto la migliore canzone che chiunque abbia mai scritto!>.
L’incisione più famosa è senz’altro quella di Bing Crosby, registrata nel 1942.
Crosby venne convocato negli studi della Decca Records il 18 marzo del 1947 per registrarla nuovamente, dato che l’incisione originale si era danneggiata per il frequente utilizzo. Si fece il possibile affinché fosse identica alla precedente, convocando ancora la Trotter Orchestra e i Darby Singers. Questa versione divenne uno dei brani più venduti nella storia della discografia.

A famous song written by Irving Berlin.
After having written the melody, Berlin quickly got back to his office and told his secretary: Take a pen and please write this song down.
I have just written my best song, maybe the best song that anyone has ever written! The most famous version is certainly the one that Bing Crosby recorded in 1942 with the Trotter Orchestra and the Darbies Singers – one of the records successful records in the story of the music industry.

“I’ll Be Home For Christmas”

E’ una malinconica canzone natalizia statunitense, scritta nel 1943 da Buck Ram, Kim Gannon e Walter Kent. Venne incisa nello stesso anno da Bing Crosby assieme alla John Scott Trotter Orchestra per la Decca Records. Risultò di grande successo  tra i cittadini e i soldati statunitensi che si trovavano nel pieno della seconda guerra mondiale, poiché il titolo significa “Tornerò a casa per Natale”.
In seguito divenne quasi un tradizionale, inciso anche da Perry Como e da Frank Sinatra e successivamente da numerosi altri cantanti.
La canzone parla di una persona lontana dai propri cari che si augura di tornare a casa per il giorno di Natale e lo comunica in stile epistolare. Una lettera nella quale invita i propri familiari a mantenere – nonostante il dispiacere per la sua lontananza – le tradizioni natalizie.

An American nostalgic Christmas song written in 1943 by Bick Ram, Kim Gan- non and Walter Kent.
It was published the same year of the Bing Crosby’s version of White Christmas.
During the second war this song was a big success.
Sub- sequently it has been performed by numerous famous singers including Perry Como and Frank Sinatra.

“In Sa Notte Profundha”

E’ uno dei brani scritti dal Canonico Agostino Sanna (parte musicale) e da Babbai Pedru Casu di Berchidda (testo).
Il Sanna fu dapprima organista nella Cattedrale di Ozieri e poi direttore della ‘Schola Cantorum’ di Sassari per poi approdare a Berchidda come vice-parroco, dal 1927 al 1930.
E’ in questi anni che lavora alle musiche delle Cantones De Nadale adattando alcune melodie sarde allora in uso.
Pietro Casu compone le liriche e da questo incontro nascono le più belle e struggenti melodie natalizie oggi eseguite in tutta la Sardegna.
Sono composizioni semplici, funzionali ad esser cantate anche dai bambini.
In In Sa Notte Profundha risaltano i suoni della natura: un usignolo canta nella notte profonda e un calmo fiume racconta di misteriose allegrie.

Written by the Canonico Agostino Sanna (music) and by Babbai Pedru Casu of Berchidda (lyrics), adapting some popular Sardinian melodies.
Simple compositions, adapted to be sung by children.
This song evokes the sounds of nature: a nightingale sings in the deep night and a calm river that tells of mysterious joys.
Sanna was the organist in the Cathedral of Ozieri and director of the ‚Schola Cantorum‘ of Sassari and therefore to Berchidda as deputy-priest from 1927 to 1930.

“Joy To The World”

Fu composto nel 1719 dallo scrittore inglese Isaac Watts che riadattò un Salmo dedicato a Re Davide.
La melodia è basata sul Messia del compositore tedesco Georg Friedrich Händel poi arrangiata nel 1836 da Lowell Mason.

Composed in 1719 by the English writer Isaac Watts, it readapts a Psalm de- voted to King David.
The melody is based on the Messiah by German composer Georg Friedrich Häendel, and then readapted in 1836 by Lowell Mason.

“Have Yourself A Merry Little Christmas”

E’ una canzone scritta nel 1943 da Hugh Martin e da Ralph Blane ed incisa per la prima volta da Judy Garland, che la interpretò l’anno successivo nel film Incontriamoci a Saint-Louis.
La canzone è stata anche incisa da Frank Sinatra in una versione leggermente modificata e divenuta più popolare della precedente.
Nel film in questione viene cantata in una scena in cui la famiglia protagonista, residente a Saint-Louis, è distrutta per l’imminente partenza del capofamiglia per motivi di lavoro: il personaggio interpretato da Judy Garland la canta il giorno della vigilia di Natale per rincuorare la sorellina affranta.

Written in 1943 by Hugh Martin and first performed by Judy Garland for the film Meet Me in St. Louis.
Frank Sinatra later recorded the most famous version.

“The Christmas Song”

Mel Tormé, dotato di una voce elegante dal timbro vellutato, è stato uno dei più grandi cantanti jazz dello scorso secolo e ha composto con Bob Wells questa classica holiday song.
Il brano è noto anche come Chestnuts Roasting on an Open Fire (Caldarroste al caminetto).

Mel Tormé, one of the most elegant Jazz singers ever, wrote this classic ‚holiday’s song‘ with Bob Wells.

“Notte De Chelu”

Un’altra canzone scritta a quattro mani da Agostino Sanna e Pietro Casu, che racconta di una notte celeste e della felicità dell’uomo per la nascita del Bambino che ci libererà dalle pene dell’Inferno.

This song evokes a celestial night and the happiness of the man for the birth of his child that liberates him from the punishments of the hell.

“Till Bethlehem”

E’ un nostalgico e poco conosciuto tradizionale norvegese. La semplice ed efficace melodia si canta nelle strade e nelle case di tutta la Scandinavia a partire dal 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, con gruppi di ragazze vestite di bianco che tengono in mano un lumino acceso.

This is a nostalgic and little known Norwegian traditional song.
The simple and effective melody is sung in the roads and in the houses of the whole Scandinavia every year starting on December 13, day of Saint Lucy, by girls dressed in white and holding a lighted candle in their hands.

“O Little Town Of Bethlehem”

E’ un tradizionale canto natalizio, composto nel 1868 dal vescovo statunitense Phillips Brooks, autore del testo, e dal suo organista Lewis Redner, autore della melodia.
Il brano fu probabilmente ispirato da un viaggio in Terra Santa compiuto da Brooks tre anni prima.

Traditional Christmas song written in 1868 by the American bishop Phillips Brooks and his organist Lewis Redner, who composed the melody.
This song was probably inspired after a trip that Brooks took three years earlier to the Holy Land.

“Naschid’Est In Sa Capanna”

Probabilmente è una delle composizioni più riuscite di Agostino Sanna e Pietro Casu.
Stavolta i protagonisti sono gli angeli che cantano in cielo per l’alto Re e che si posano intorno alla povera capanna volando e accendendosi di luce.

One of the most beautiful compositions of Agostino Sanna and Pietro Casu. Pro- tagonists the angels singing in the sky.

“Adeste Fideles”

Non esistono prove sufficienti per attribuirne la paternità ad un autore ben identificato. L’unica certezza che emerge dalla documentazione esistente è il nome del copista, ossia colui che trascrisse materialmente il testo e la melodia: sir John Francis Wade. Egli lo avrebbe preso da un tema popolare irlandese nel 1743-1744 per l’uso di un coro cattolico, a Douai, cittadina nel nord della Francia, a quel tempo importante centro cattolico di riferimento e di rifugio per i cattolici perseguitati dai protestanti nelle Isole britanniche.
La nostra versione è l’unico brano volutamente in acustico tra quelli eseguiti a Sassari.
Da questo dipende il suono così diverso. Più riverberato e spazialmente distante è interpretato in trio con bandoneon, tromba con sordina e sax soprano.
Gli ottoni e le ance rappresentano idealmente le voci maschili e femminili del coro, mentre il bandoneon, strumento nato in Germania alla metà dell’Ottocento, riacquista – soprattutto nella lunga introduzione – il suo ruolo originario di piccolo organo portatile che serviva all’accompagnamento delle funzioni religiose nelle chiese protestanti.

It is difficult to determine the origin of this song.
The only certainty is the name of the person who transcribed the text and the melody: sir John Francis Wade.
That suggests it was an Irish popular theme in 1743-1744 for a Catholic choir in Douai, a town located in the north of France, at that time center of reference and shelter for the Catholics persecuted by the Protestants in the British Islands.